Siamo andati a vedere Arcimboldo a Palazzo Barberini

pubblicato in: io la vedo così | 0

Continuiamo con le nostre escursioni nel mondo dell’arte. Siamo andati a vedere la mostra di Arcimboldo a Palazzo Barberini.

Palazzo Barberini è molto bello, godetevi anche la passeggiata nei giardini che si trovano sopra il palazzo: è un piccolo angolo di paradiso.
L’unica cosa che non abbiamo apprezzato è l’illuminazione dei quadri, come si può vedere anche dalle foto. Devo dire che Caterina è impazzita per la bellezza e la genialità del pittore milanese Arcimboldo. Come darle torto? Passare dalla produzione classica dei ritratti a un mondo fantastico creato da immagini di animali, piante e frutta, è qualcosa di così moderno che fa riflettere sul nostro approccio all’immagine e a come guardiamo il mondo che ci circonda. Tutta la sua opera nasce dalla catalogazione e riproduzione di ogni specie vegetale e animale, soprattutto di tutte quelle specie che venivano importate da terre esotiche e mai viste prima. Perciò non poniamoci limiti e non poniamoli anche ai piccoli osservatori che crescono.

  Visto da Caterina


Ci ho riflettuto dopo la mostra, dato che mi sono ritrovato la seienne trasformata in una piccola turista alla ricerca di quadri da fotografare: d’istinto la mia reazione è stata di spiegarle di non esagerare, perché alla fine di ogni mostra c’è un catalogo che si può acquistare per avere una memoria visiva delle opere viste. Mi rendo conto, invece, di aver passato un messaggio sbagliato: lei in quel momento stava osservando e arricchendo il suo bagaglio personale di immaginazione, guardava le cose e scattava le foto, non solo per gioco, era con le sue migliori amiche e avrebbe potuto fare cose per lei anche più divertenti. Perciò scusami Caterina!

  Visto da Francesco


PS. Questa volta la prospettiva dal basso ha messo in difficolta Caterina: fotografare i quadri dal basso non è facile e non rende giustizia al quadro stesso. Nonostante tutto la foto più bella resta la sua: precisamente lo scatto realizzato appena usciti dalla metro Barberini. E’ un bello scatto di reportage. Caterina si è fermata e mi ha chiesto la macchina fotografica, dato che le piaceva la luce. Poi, la fortuna del principiante e di chi ci prova ci ha messo due ragazze sulla sinistra, un ciclista sulla destra e tante luci in fondo… Brava!

 


161020_francFrancesco, papà da cinque anni, fotografo da 10 anni e compagno da anche di più… Io la vedo così è un diario a puntate delle avventure in giro per Roma di un genitore e di sua figlia. Ognuno con una macchina fotografica in mano. Ognuno in cerca della foto del secolo. Ognuno alla ricerca di un modo per far capire all’altro come vede lo spazio e i luoghi che lo circondano.
Sito: www.francescocicconi.com

 

Lascia una risposta

*