GIOCHI GONFIABILI: IL NUOVO MUST PER IL DIVERTIMENTO DEI BAMBINI

pubblicato in: festedicompleanno, Z_redazionale | 0

Le attrazioni dedicate al divertimento dei bambini si sono evolute. Mentre una volta per le feste di compleanno o per divertirsi all’aria aperta ci si recava ai giardini pubblici o al parco giochi, oggi i semplici scivoli e altalene non sono più sufficienti. Ogni struttura dedicata al divertimento dei piccoli ospiti, che sia ludoteca, lunapark, babypark o parco giochi, ha sentito, infatti, l’esigenza di munirsi di attrezzature moderne. Ed è qui che fanno la loro comparsa i giochi gonfiabili per bambini, i playground, i cannoncini sparapalle, le vasche a palline o i tappeti elastici.

I giochi gonfiabili sono strutture più o meno grandi, realizzate in PVC spalmato ignifugo, gonfiate ad aria e tenute a pressione da un motore elettrico. I gonfiabili possono avere varie forme: il castello, la balena, lo scivolo gigante la bolla d’aria, la lumaca, il trono, il saltarello, il pesce mangia bambini, il labirinto, lo scivolo, ecc.

Anche un gioco gonfiabile, però, apparentemente innocuo e inoffensivo, può costituire un serio pericolo se non gestito in sicurezza con scrupolo e professionalità. Il vento sembra essere stata in un passato non troppo lontano la principale causa di incidenti su gonfiabili. A questo proposito la norma europea UNI EN 14960/2007-“Attrezzature da gioco gonfiabili”- requisiti di sicurezza – prevede che le stesse non siano utilizzate in presenza di vento superiore ai 38 Km/h (scala di Beaufort). Onde evitare incidenti, anche nel caso di improvvise folate di vento, è necessario munire l’attrazione di idonei sistemi di ancoraggio al terreno, come picchetti e zavorre, e svolgere un adeguato e costante presidio di controllo da parte dei gestori delle attrezzature.

I giochi gonfiabili, diventati ormai la passione di ogni bambino, sono diventati un must nei parco giochi, negli spazi e nelle sale dedicati alle feste, nei centri commerciali, negli stabilimenti balneari, negli impianti sportivi, sia all’aperto che all’interno.

Molto spesso questi giochi si possono noleggiare per eventi estemporanei; i gestori per poterli trasportare devono, però, essere muniti della “licenza di esercizio per attività di spettacolo viaggiante – art. 69 TULPS –“ rilasciata dai Comuni, previa verifica dell’attestazione di corretto montaggio e di una polizza assicurativa per responsabilità civile. Il gonfiabile dovrà essere identificato con una targhetta riportante la registrazione dell’attrazione (DM 18 Maggio 2007) e sarà sottoposto ad una Commissione Comunale di Vigilanza. Nel libretto manuale d’uso e manutenzione dovranno essere riportate le caratteristiche di sicurezza e la resistenza al fuoco del materiale di composizione (PVC). Discorso analogo riguarda anche la normativa per la sicurezza dei gonfiabili acquatici, salvo la necessità di una concessione demaniale relativa all’utilizzo di specchi d’acqua che siano mare, laghi o bacini artificiali di proprietà dello stato. Per il resto vale la normativa vigente per la disciplina dei “Giochi gonfiabili”.

Se si desidera aprire una sala feste per bambini, un parco giochi o una ludoteca, occorre, dunque, essere informati su tutte le normative vigenti e sulle licenze di cui munirsi.

In Italia la Birbalandia Park, fabbrica di giochi gonfiabili per bambini, produce e vende all’ingrosso e al dettaglio attrezzature per aree giochi di ogni tipo, utilizzando materiali esclusivamente italiani. I giochi e le attrazioni prodotte sono personalizzabili in forma e colore, a seconda delle esigenze di ciascun cliente.

Link: www.gonfiabilibirbalandia.com/giochi-gonfiabili-per-bambini.html



Lascia una risposta

*