UN TUFFO NEL PASSATO… LE TERME DI CARACALLA

pubblicato in: A spasso con l'Asino | 1

160609_caracalla2

Che ne dite di passare qualche ora in completo relax proprio come facevano quasi 2.000 anni fa gli antichi romani? Vi proponiamo infatti un tuffo nel passato all’interno delle grandiose Terme di Caracalla, come sempre per un divertimento formato famiglia!

Tra gli antichi resti della Roma imperiale infatti, le Terme sono davvero ideali da visitare con i bambini, perché sono grandi – ma non troppo – sono circondate da un bel giardino verde – dove è anche possibile sostare un po’- e i numerosi vani in cui si può accedere, regalano la possibilità di immergersi in un altro tempo. Inoltre, anche se danneggiate, le strutture possono essere ben comprese anche dai più piccoli, che potranno così riconoscere le palestre, gli spogliatoi, la grande piscina all’aperto e così via!

Ma andiamo con ordine. Per entrare oggi, a differenza del passato, dobbiamo pagare il biglietto, ma niente paura solo per i maggiorenni, perché i minorenni come sempre sono gratis.

Una volta entrati potremo ammirare il grande recinto che gira tutto intorno al complesso principale, dove una volta trovavano posto le botteghe dei venditori, gli uffici, le aule per i convegni e le conferenze, una biblioteca latina e una greca. Si, avete capito bene, biblioteche! Perché per i Romani le terme non erano solo bagno e relax, ma un vero e proprio centro culturale, per la cura del corpo e della mente! Doveva esserci davvero un gran via vai di persone nel grande giardino interno, dove la gente poteva trascorrere un po’ di tempo passeggiando o conversando. Inoltre, a differenza di oggi, molte dovevano essere le fontane e le statue presenti in tutta la vasta area.

Una volta raggiunto il centro delle terme, può iniziare la nostra visita alle sale vere e proprie che ospitavano le vasche di acqua calda, tiepida e fredda. Per motivi museali oggi noi facciamo un giro inverso rispetto a quello che facevano i nostri antenati secoli fa: loro infatti per prima cosa giungevano agli spogliatoio, dove potevano così cambiarsi, pagando magari qualche inserviente per controllare i propri abiti. Infatti a quel tempo le terme erano un vero e proprio ricettacolo per ladri e gente malfamata in cerca di qualche sporco affare! Appena pronti i clienti potevano recarsi in uno dei vari ambienti delle terme, come ad esempio le grandi palestre, che mantengono, anche se molto rovinati, ancora i segni dei ricchi pavimenti a mosaico. Qui ci si poteva allenare da soli o in compagnia, giocando a palla, a cerchio, correndo o facendo la lotta. Volendo era anche possibile farsi fare un massaggio, prendere un po’ si sole, andando nelle stanze al secondo piano e perché no, concedersi una bella sauna purificante, prima di immergersi nella sezione delle vasche e in primis in quella dell’acqua calda! Infatti sotto il pavimento delle terme, corrono ancora oggi una serie di pavimenti che ospitano tutti i locali di servizio, con le tubature per l’acqua, ma anche quelle per l’aria calda e i numerosi forni alimentati a legna che servivano a produrre il calore!

160609_caracalla1

Dopo una bella immersione bollente, ci si recava nella sala dell’acqua tiepida ed infine in quella dell’acqua fredda. Questo passaggio faceva molto bene alla salute e i Romani ne andavano pazzi! Durante la bella stagione inoltre era anche possibile rilassarsi un po’ all’interno della natatio, la grande piscina scoperta. Una curiosità: sul bordo di questa gande vasca sono state trovate le tracce di un antico gioco romano, una specie di filetto molto in voga a quel tempo, non solo tra i più piccoli!

Quello che sorprende entrando nelle Terme di Caracalla è non solo la grandiosità dell’edificio ma anche l’idea che potesse contenere contemporaneamente più di 1.500 persone! E l’accesso era aperto a tutti: maschi, femmine, bambini, anziani, ricchi e poveri.

Inoltre le terme erano aperte tutti i giorni dalla mattina fino al tramonto e dentro ci si poteva stare per tutto il tempo desiderato: sappiamo che spesso i potenti di Roma amavano discutere di politica qui piuttosto che tra i banchi del Senato, così come molte matrone qui si incontravano per scegliere una buona moglie per i propri figli!

La visita siamo certi vi stupirà per molti aspetti, primo fra tutti il fatto che le Terme di Caracalla, costruite per volere dell’imperatore nel 217 d.C., sono le uniche ad essersi conservate così bene in città, oltre al fatto che sono le seconde più grandi al mondo, dietro solo a quelle di Diocleziano, che però sono state molto manomesse nel tempo.

Sarà inoltre divertente, come sempre, trovare qualche interessante spunto per giocare con i vostri bambini, magari sfidandovi ad una caccia al tesoro, per trovare tutte le curiosità più particolari di questo luogo unico di Roma!

 

A spasso con l’Asino è una rubrica a cura
dell’Associazione Culturale L’Asino d’Oro

L’Associazione Culturale “L’Asino d’Oro” nasce nel 2013 con lo scopo principale di promuovere e diffondere le bellezze storico artistiche della città di Roma, attraverso visite guidate e passeggiate per bambini e per adulti. www.lasinodoro.it

 

foto credits: teldridge+keldridge (flickr)

Una Risposta

  1. Salve, quando si svolge l’attivita?

Lascia una risposta

*