IL VIAGGIO DI BACCO. VISITA-GIOCO A VILLA PAMPHILJ

pubblicato in: visita guidata, Z_redazionale | 1

villa-pamphilji
Domenica 17 marzo, alle ore 10:30, l’associazione Il Periegeta organizza “Il viaggio di Bacco”, visita-gioco a Villa Pamphilj per bambini dai 3 ai 9 anni e i loro genitori.

Invitati dal principe Camillo, si entrerà nel suo sogno per seguire le tracce di Bacco e del suo corteo. Bosco, laghetto, animali, grotte e piante racconteranno le loro storie e quelle di Camillo, il principe mandrillo! Finché stanchi si approderà nel giardino dell’allegrezza, dove si costruiranno maschere. Per fare cosa? Basta andare alla visita per scoprirlo!

COSTO
ll contributo per la visita-gioco è di € 10 a bambino (IVA inclusa), gratuito per i genitori.

APPUNTAMENTO
Ore 10:15 davanti al Vivi Bistrot (ingressi da via Vitellia o da via Leone XIII). Gli organizzatori avranno un cartello con su scritto “A prova di sbadiglio”.

MATERIALE DA PORTARE
Album A4, fogli sfusi, colori di qualsiasi genere (anche a dita o a tempera) colla vinavil e forbicine arrotondate, un sacchetto di plastica.

COME PARTECIPARE
La prenotazione è obbligatoria e può essere eseguita compilando il modulo on-line http://www.periegeta.it/events/1704-mattina-viaggio-bacco-villa-pamphilj/ specificando l’evento al quale si vuole partecipare. Si richiede di specificare nome, età dei bambini e un cellulare di riferimento. Rispondereranno appena possibile confermando o meno la disponibilità.

ATTENZIONE: la visita si svolgerà solo se si raggiunge il numero minimo di 8 partecipanti.

Villa Doria Pamphilj
www.villapamphili.it/

[6/6]

Una Risposta

  1. Ho partecipato alla visita-gioco a Villa Pamphilj qualche settimana fa. E’ stata una esperienza molto deludente. Di fatto i bambini sono tenuti dai propri genitori con i quali tra l’altro costruiscono le maschere, senza la partecipazione dell’accompagnatrice che si limita a fornire ai partecipanti un foglio di carta. Durante la passeggiata, l’accompagnatrice racconta delle storie senza aspettare che tutti i bimbi siano presenti. Insomma una esperienza da non ripetere. Carlotta

Lascia una risposta

*