STREET ART, DALL’ASINO CHE VOLA AI GIORNI NOSTRI

pubblicato in: turisti per gioco | 0

160212_viaditordinona

Gli asini non volano, lo sanno tutti. Però chi cerca un asino con le ali dalle parti di via Tor di Nona non è uno sciocco ma uno che la sa lunga su Roma, gli artisti, e la capacità di sognare. Qui, infatti, sul muro di una delle case che si affacciano sul lungotevere, un asinello che vola c’è davvero.

A dipingerlo sono stati un gruppo di artisti e studenti che nel 1976 avevano circa 20 anni e volevano protestare contro il Comune che aveva lasciato andare in rovina questa parte della città, un tempo bellissima. Per questo, in segno di protesta, decisero di abbellire i muri scrostati con immagini di persone felici e unite affacciate alle finestre o nelle botteghe ormai sparite, il rivoluzionario Garibaldi e pesci e asini volanti, per ricordare che la capacità di sognare è potente.

Quello è stato un primo esempio di street art, ovvero di arte di strada: la decorazione di edifici, strade e parti della città ad opera di artisti che lasciano il loro messaggio fuori dai musei, perché sia visibile a tutti e cambi il modo in cui siamo abituati a vedere la realtà.

160321_streetart

Così i portoni diventano bocche, le finestre occhi, i muri enormi pannelli che raccontano storie, sentimenti, visioni del mondo. Io sono appassionata di street art e ogni volta che viaggiando vedo un’opera che mi piace la fotografo.

A Roma sono tanti gli artisti che sono venuti da tutto il mondo a dipingere. Se volete vederli potete trovare una rassegna delle opere sul sito di Romagraffiti o sul sito Cultural Institute di Google. Potete perfino scaricare un’app gratuita qui per Android o qui per Apple. O ancora guardare questo video:

Street Art Rome from Benjamin Messina on Vimeo.

I miei artisti preferiti sono Seth e Blu. E i vostri?

 

Turisti per gioco è una rubrica a cura di Anna Lo Piano

Anna Lo Piano vive a Roma da quando aveva quattro anni, e ancora oscilla tra la voglia di scappare e l’amore smisurato per questa città. Appassionata di viaggi e di storie, non fa nessuna distinzione tra le due cose. Scrive per grandi e bambini, ha un blog piattinicinesi.com e una casa editrice www.pianopianobooks.com.

 

 

Lascia una risposta

*