LE OCHE DEL CAMPIDOGLIO

pubblicato in: genitori, visita guidata | 0

 

Sabato 27 luglio alle h 21,00 appuntamento del ciclo “A spasso per Roma con i vostri bambini nelle Notti d’Estate“: La Rupe Tarpea e le oche del Campidoglio: il colle Capitolino fra storia e leggenda.
Affacciato come un’Acropoli sul Foro Romano, il monte Tarpeo era abitato dal popolo degli Aborigeni, figli degli alberi, che lo dedicarono a “Tarpea”, dea primordiale che sorgeva da un mucchio di scudi, a rappresentare le conquiste future della città Eterna.
Su questo colle trovò in seguito rifugio Saturno, scacciato dall’Olimpo dal figlio Giove. Ad accoglierlo fu Giano, Dio dalle 2 teste capace di guardare al passato e al futuro. Ma Giove, geloso del padre, legò Saturno in un tempio ai piedi del Campidoglio, e chiese a Romolo di dedicargli il più grande e più bello di tutti i templi romani, quello di Giove Ottimo Massimo, così da dimostrare a tutti che lui non aveva di certo un complesso d’inferiorità! Più tardi lo raggiunsero la moglie Giunone e la figlia Minerva, che lo costrinsero a condividere con loro il Tempio Capitolino.
Questa e tante altre leggende accompagneranno la descrizione storico artistica del più piccolo, ma più ricco di monumenti e vestigia archeologiche di tutti e sette i colli di Roma: gemelli nati dalle uova, il ratto delle Sabine, monete, oche, fulmini e asce preistoriche….
Docente: Vincenzo Lemmo
Orario d’inizio:  Accoglienza e registrazioni da 30’ prima
Durata: un’ora e trenta minuti circa
Appuntamento: presso l’entrata del Complesso del Vittoriano, via di S Pietro in Carcere
Contributo associativo: € 8 bambini (3-17); € 2 accompagnatori adulti (fino a un massimo di 3 accompagnatori x bambino); € 8 adulti senza bambini.
Prenotazioni: 3383435907; romaelazioxte@gmail.com

E durante la settimana:
Martedì 30 luglio, h 18.30: la valle del Colosseo
La Valle del Colosseo, luogo dall’indubbio fascino, era in origine una grande palude alimentata da un torrente sotterraneo, fino a quando le sue acque vennero convogliate per volere di Nerone in un lago artificiale posto al centro del parco della spettacolare Domus Aurea. Lo stesso lago venne in seguito trasformato dalla gens Flavia nel primo anfiteatro in pietra della città, detto da tutti il Colosseo perché sorto affianco alla colossale statua di Nerone. Tutto intorno a questo magnifico luogo di spettacoli sorsero una serie di strutture ad esso collegate come il Ludus Magnus dove si allenavano i gladiatori prima di ogni incontro.
Vieni a conoscere con noi le rovine della Meta Sudans, l’Arco di Costantino, il Tempio di Venere e Roma, e naturalmente il Colosseo con i suoi giochi gladiatori, resi ancor più belli dai colori del sole al tramonto…
Docente: Vincenzo Lemmo
Orario d’inizio: h 18.30 (Accoglienza e registrazioni da 30’ prima)
Durata: un’ora e trenta minuti circa
Appuntamento: presso l’Arco di Costantino, via di S Gregorio
Contributo associativo: € 8 bambini (3-17); € 2 accompagnatori adulti (fino a un massimo di 3 accompagnatori x bambino); € 8 adulti senza bambini.
Prenotazioni: 3383435907; romaelazioxte@gmail.com

Lascia una risposta

*